EPC EDITORE - eADE TECNOLOGIE DIGITALI

POS con il modello semplificato

Il piano operativo di sicurezza secondo il Decreto interministeriale del 9/9/2014

Il modulo POS è uno strumento rigoroso, ma allo stesso tempo semplice e veloce, che consente di redigere a appaltatori e subappaltatori, il piano operativo di sicurezza e il piano sostitutivo di sicurezza conformemente a quanto disposto all'art. 89 comma 1 lett. g) e ai punti 3.1 e 3.2 dell'allegato XV del D.Lgs. 81/2008 e s.m. e al DI 9 settembre 2014 e dal Decreto interministeriale 22 luglio 2014 (Decreto palchi e fiere).

Le parole d'ordine sono: innovazione tecnologica, semplicità d'uso, versatilità, completezza e adattabilità alle esigenze dell'utente, il tutto in totale coerenza con quanto disposto dal D.Lgs. 81/2008 e s. m. i. e ora anche dal Decreto interministeriale del 9 settembre 2014. La nuova versione 6 del modulo POS, infatti, consente di redigere il piano operativo di sicurezza e il piano sostitutivo di sicurezza secondo i modelli semplificati.

I numeri del Modulo POS

  • oltre 60 lavorazioni per più di 500 fasi lavorative complete di rischi, misure e interferenze
  • più di 120 rischi già associati a oltre 1900 misure di prevenzione e protezione
  • oltre 400 elementi tra attrezzature, opere provvisionali, sostanze e dpi
  • oltre 300 mansioni già valutate per il rischio rumore

Modulo POS, tra efficienza e semplicità d'uso

Puoi descrivere le attività che l’impresa svolgerà in cantiere con l'ausilio di una corposa banca dati che lega ogni singola fase lavorativa ai rischi e alle relative misure di prevenzione e protezione, ai dispositivi di protezione individuale da utilizzare e alle attrezzature in uso.

Il tuo archivio delle imprese sempre aggiornato

Puoi gestire i dati identificativi dell'impresa e i lavoratori (dipendenti e/o autonomi) che operano in cantiere specificando anche il livello informazione, formazione e addestramento di ogni singolo lavoratore.

  Acquista il modulo POS

225,00 + iva, anziché € 250,00 + iva, compresa assistenza fino al 31/12/2016
Disponibile anche in Demo

  Prova gratis tutta la suite

Scarica la versione dimostrativa e metti alla prova Progetto Sicurezza Cantieri gratis per 20 giorni

  Assistenza tecnica gratuita

Dalle 9:00 alle 18:00 un servizio di elevata professionalità risponde ai quesiti tecnici

  Tutte le novità sulla sicurezza

Un servizio puntuale di aggiornamento normativo, giurisprudenziale e tecnico in materia di sicurezza nei cantieri

POS è un software di tipo multiaziendale (possibilità di archiviare dati per un numero illimitato di aziende), requisito che lo rende appropriato anche per consulenti e tecnici che assistono le imprese nella gestione della sicurezza.

Le sezioni a fondamento del modello di POS proposte dal decreto del 9 settembre 2014 sono sostanzialmente fedeli al dettame legislativo dell'allegato XV del D.Lgs. 81/2008 e sono strutturate come segue:

Sezione 1. Identificazione e descrizione dell’opera;

Sezione 2. Dati identificativi dell’impresa;

Sezione 3. Organizzazione del servizio di pronto soccorso, antincendio ed evacuazione dei lavoratori;

Sezione 4. Numero e qualifica dei lavoratori operanti in cantiere per conto dell’impresa;

Sezione 5. Documentazione in merito all’informazione ed alla formazione fornite ai lavoratori impegnati in cantiere;

Sezione 6. Esito del rapporto di valutazione del rumore;

Sezione 7. Lavorazioni svolte in cantiere;

Sezione 8. Procedure complementari o di dettaglio richieste dal PSC (se previsto);

Sezione 9. Elenco allegati obbligatori;

Sezione 10. Quadro firme.

Nel modello di POS è più evidente la mera trasformazione in tabelle dell’elenco degli argomenti riportato nel punto 3.2, allegato XV del D.Lgs. 81/2008, sui suoi contenuti minimi. Per la verità alcuni aspetti sembrano a prima vista non essere contemplati; poi, in seguito ad un maggiore approfondimento del modello, si nota che gli stessi sono considerati, probabilmente in maniera approssimativa, nella sezione delle “lavorazioni svolte in cantiere”.

Il modello semplificato di PSS è ottenuto per integrazione del modello di PSC e del modello di POS, con epurazione, così come prescritto dalla legge, della sezione di stima dei costi della sicurezza.

Guarda un esempio di piano operativo di sicurezza
Microsoft Windows
perché ti aiuta a organizzare la sicurezza dei tuoi cantieri
  • se vuoi elaborare il POS, ti mette a disposizione gli strumenti e la banca dati necessari per la redazione del piano operativo di sicurezza conformemente all'Allegato XV del d.lgs. 81/2008 e s.m. e al DI 9/9/2014
perché si adatta alle tue esigenze
  • se sei un'impresa, ti offre la possibilità di creare l'archivio aziendale, memorizzando ogni dettaglio della propria organizzazione: anagrafica aziendale, dipendenti, lavoratori autonomi
  • se sei un consulente, ti consente di gestire un numero illimitato di imprese e lavoratori autonomi
perché elabora il PSS integrato con il POS
  • nel caso di appalti pubblici, ti consente di elaborare come disposto dal punto 3.2 dell'allegato XV al d.lgs. 81/2008 e s.m. e dal DI 9/9/2014, il piano sostitutivo di sicurezza integrato con il tuo POS
...in una parola perché è unico nel suo genere
  • se hai bisogno di rigore e semplicità d'uso, POS è quello di cui hai bisogno
Il modello applicato al modulo POS 6
La suite Progetto Sicurezza Cantieri 6 è la normale evoluzione della precedente versione, ma al tempo stesso è un’entità completamente nuova. L’implementazione dei “modelli semplificati” ha richiesto un grande sforzo in termini di analisi, sviluppo e contenuti. Gli archivi di supporto alla redazione dei vari documenti di nuova generazione, sono il frutto dell’esperienza degli autori e della ricerca continua effettuata analizzando la migliore letteratura tecnica sull’argomento.

Il progetto di sviluppo ha voluto coniugare due esigenze prioritarie: da un lato implementare i “modelli semplificati” nella maniera più fedele possibile e dall’altro non sottovalutare l’obiettivo di qualità dei piani. La tesi che sosteniamo da tempo è che i piani di sicurezza, anche tramite i modelli semplificati, possono essere espressione di attività professionale qualificata. In tal senso il PSC (PSS) e l’FO hanno i connotati di un vero progetto della sicurezza. Mentre il POS è coerente con la sua missione principale, essere di completamento e di dettaglio al PSC.

Da queste considerazioni nasce l’esigenza di rendere possibile descrivere le attività che l’impresa, a cui il POS si riferisce, svolgerà in cantiere e in particolare le lavorazioni svolte con riferimento all'analisi dei rischi specifici di ogni fase di lavoro, specificando, conformemente al punto 3.2.1. lett. c), d) e) e g) del D.Lgs. 81/2008, le risorse da impiegare (attrezzature, opere provvisionali, impianti e preparati pericolosi, di cui si dovranno allegare le schede dati di sicurezza) e le misure di prevenzione e protezione: il tutto con l'ausilio di una corposa banca dati che lega ogni singola fase lavorativa ai rischi e alle relative misure di prevenzione e protezione, ai dispositivi di protezione individuale da utilizzare e alle attrezzature in uso (figura 1).

Allo stesso modo è possibile gestire attraverso un sistema di archiviazione dei dati (figura 2), le informazioni relative ai dati identificativi dell'impresa (figura 3) e ai lavoratori (dipendenti e/o autonomi) che operano in cantiere specificando anche il livello informazione, formazione e addestramento di ogni singolo lavoratore (figura 4).

La stampa dei documenti, personalizzabile dall’utente, è fedele ai modelli semplificati, anche se ottimizza la lettura di alcune tabelle a più colonne (figura 5).

Naturalmente sono garantiti gli aggiornamenti costanti, sia in termini di sviluppo che di banche dati. L’utente è al centro dell’attenzione.

Fase lavorative Figura 1 - Gli elementi di una fase lavorativa (rischi, misure di prevenzione, attrezzature, opere provvisionali, impianti e preparati pericolosi)


Imprese Figura 2 - L'archivio delle imprese


Dati impresa Figura 3 - I dati identificativi dell'impresa


Dipendenti ed autonomi Figura 4 - I dati relativi a dipendenti e lavoratori autonomi

Piano di Sicurezza e Coordinamento Figura 5 - Esempio di stampa

Guarda un esempio di piano operativo di sicurezza